UN WEEK-END DI SCOPERTE, LABORATORI E VISITE GUIDATE AL MUSEO DI STORIA NATURALE PER FESTEGGIARE I NUOVI ALLESTIMENTI SUI GIGANTI DEL MUSEO DI STORIA NATURALE: DAL GRANDE SQUALO BIANCO ‘CARLOTTA’ ALL’UOMO DI LONCHE

“Scienze Bite-In preda alla Scienza” al Civico Museo di Storia Naturale di via dei Tominz 4, sabato 24 e domenica 25 maggio. Un appuntamento che riserverà tante sorprese e parecchie novità ai visitatori che percorreranno le sale del Museo di Storia Naturale ‘rivisitato in chiave moderna’ con nuovi originali allestimenti in grado di rivalorizzare l’offerta scientifico-culturale e didattica diventando una preziosa attrattiva per il turismo. Creatività e rigore didattico-scientifico – ha detto il direttore dei Civici Musei Nicola Bressi -hanno dato nuova vitalità ai reperti eccezionali e unici al mondo alternando parti interattive, giochi manuali, gusto estetico. E’ nata così a Trieste la prima sezione di un Museo Scientifico curata anche da ditte di design e allestitori che lavorano anche per brand prestigiosi o per manifestazioni di moda importanti come ITS.

I nuovi allestimenti sui giganti del museo di storia naturale: dal grande squalo bianco all’uomo di Lonche saranno festeggiati con l’inaugurazione ufficiale ( che si terrà oggi, venerdì 23 maggio, alle 19.00), che sarà preceduta, alle 18.00, dalla stupenda proiezione di foto naturalistiche “Immagini dal pianeta terra” di Simone Sbaraglia (ingresso libero fino ad esaurimento dei posti).

Oltre al Dinosauro Antonio, allo Squalo ‘Carlotta’ e all’Uomo di Lonche (di cui si conserva il primo dente otturato – con cera d’api- della storia, risalente a oltre 6000 anni fa e la equivalente ‘copia’ in formato gigante e scomponibile), al Museo si possono ammirare: la Camera delle Meraviglie che, con tutti i reperti originali provenienti da ogni continente ricostruisce le Wunderkammer agli albori dei Musei Scientifici. Il Gabinetto Zoologico, riallestito fedelmente e che due secoli fa generò proprio il Museo. Nelle sale dei dinosauri si può ammirare non soltanto Antonio, ma anche l’Acinodon adriaticus, uno straordinario coccodrillo fossile e mangiatore di ostriche e l’antico Carsosauro di Marchesetti (misterioso rettile marino primitivo). Al piano superiore le sale sull’Evoluzione dell’uomo con tutte le principali tappe dello sviluppo della nostra specie), le sale dei Giganti di Terra e di Mare (elefanti, monache, capodogli, balene e il mitico Narvalo, l’unicorno di mare), il Teatro degli Scheletri e la sala del Ciclo della Vita. Accanto ad altri ospiti marini: squali, coralli, granchi giganti, e la Latimeria, pesce abissale ancestrale e vero fossile vivente.

Gli allestimenti sono stati realizzati grazie alla collaborazione del personale del Servizio Musei Scientifici e deicuratori scientifici, i designer e gli allestitori: Andrea Dall’Asta per ‘Carlotta’ e la nuova sala degli squali e dei cetacei, Deborah Arbulla per “L’uomo di di Lonche’ e la nuova sala dell’Evoluzione Umana (e naturalmente, Antonio), Bottega Design ed Elena Greco per allestimenti, effetti speciali e scenografie, Infine, direttamente dalle giungle del Gabon: Simone Sbaraglia illustrerà la mostra “Immagini del Pianeta Terra”.

Domani, sabato 24 e domenica 25 maggio, sono previste aperture straordinarie, orario prolungato e INGRESSO RIDOTTO per tutti.

Sabato 24

  • Si comincia alle 10.00, con il naturalista e storico William Klinger che, in Sala Incontri presenterà le sue ricerche su:
    “CACCIA ALLO SQUALO BIANCO NELL’ADRIATICO – giganti estinti o dimenticati?”

    (ingresso libero sino ad esaurimento dei posti).
  • A seguire, alle ore 11.00, il Laboratorio per Famiglie con bambini di 6-12 anni a cura di ADM dal titolo
    “DOVE OSANO GLI SQUALI: il grande squalo bianco aspetta a bocca aperta di conoscere i più coraggiosi! “

    Tuffatevi e scoprite gli affascinanti animali che popolano i mari
    (prenotazione obbligatoria 3420071678 – trieste@assodidatticamuseale.it)
  • Alle 12.00, l’Area Marina Protetta del WWF Miramare curerà l’incontro con i botanici Giorgio Perazza e Fabrizio Martini, che presenteranno con coloratissime immagini il volume su:
    LE MERAVIGLIOSE ORCHIDEE DELL’ITALIA NORD-ORIENTALE”.
    (ingresso libero sino ad esaurimento dei posti).
  • Alle 15.00, invece, Andrea Caboni e Francesca Iordan, del Therion Research Group illustreranno
    “I CARNIVORI IN FRIULI VENEZIA GIULIA tra ricolonizzazioni e nuovi arrivi

    (ingresso libero sino ad esaurimento dei posti).
  • Alle 16.00, a cura della direzione del Museo, la visita guidata:
    ANTONIO E I REPERTI CHE IL MONDO CI INVIDIA: le nuove sale del Museo Civico di Storia Naturale di Trieste”.
    (ingresso ridotto 2€ o didattico studenti 1€).
  • Si chiude la giornata alle 17.00,con uno sguardo nel cielo. Stefano Pesaro e Silvana Di Mauro di “Liberi di Volare”, presenteranno:
    “RONDINI E RONDONI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE, conoscerli e proteggerli”
    .
    (ingresso libero sino ad esaurimento dei posti).

Domenica 25

  • Si riprende alle 10.30, con il Laboratorio per Famiglie con bambini di 6-12 anni a cura di ADM:
    “DOVE OSANO GLI SQUALI: il grande squalo bianco aspetta a bocca aperta di conoscere i più coraggiosi!
    Tuffatevi e scoprite gli affascinanti animali che popolano i mari”.
    (prenotazione obbligatoria 3420071678 – trieste@assodidatticamuseale.it).
  • Alle 11.30, la paleontologa del Museo, Deborah Arbulla, e Claudio Tuniz, scienziato del Centro Internazionale di Fisica Teorica, condurranno la visita guidata:
    “LA STORIA EVOLUTIVA DELL’UOMO, scoperte e esplorazioni sui reperti paleontologici”

    (ingresso ridotto 2€ o didattico studenti 1€).
  • Gran finale alle 16.30, con la visita guidata di Andrea Dall’Asta, il naturalista del Civico Aquario Marino che ha coordinato il nuovo allestimento dello squalo, su
    “IL GRANDE SQUALO BIANCO, la sua vita, le tecniche di recupero, la nuova sala

    (ingresso ridotto 2€ o didattico studenti 1€).

Comts/RF