From the Far North to the Mediterranean Sea: Karl Ernst von Baer in Italy (1845-46)

Inaugurazione giovedì 3 dicembre ore 12.00
presso le sale Mostre temporanee
del Museo Civico di Storia Naturale di Trieste

AUTORI: Margherita Raineri, DISTAV, Università di Genova
Erki Tammiksaar, von Baer House, Estonian University of Life Sciences

SISTEMATICA DELLE ASCIDIE: Riccardo Brunetti
Realizzazione grafica a cura di Juliet Ospovat

Karl Ernest Von Baer, nacque nel 1792 in Estonia (all’epoca Impero Russo) appartenendo alla nobiltà Baltico-Tedesca. Si laureò in medicina all’Università di Tartu continuando gli studi presso le Università di Vienna, Würzburg e Berlino, divenendo professore di Zoologia e Anatomia all’Università di Könisberg. Si dedicò allo studio degli embrioni scoprendo l’uovo nei mammiferi e la corda neurale dell’embrione, oltre a molte altre fasi dello sviluppo embrionale, proponendo regole note come “Leggi di Baer”. Trasferitosi all’Accademia delle Scienze di San Pietroburgo, viaggiò in tutto l’impero Russo facendo scoperte importanti: dal Permafrost siberiano e dell’assimetria delle sponde dei fiumi, sino all’Antropologia e l’Etnografia. Oltre ai più di 400 lavori scientifici, von Baer fu anche straordinario divulgatore, con un ruolo decisivo nel Museo di Zoologia e nella biblioteca dell’Accademia delle Scienze. Fu nominato membro dell’American Academy of Art e Sciences, della Royal Swedish Academy of Sciences, della London Royal Society e dell’Accademia di Parigi.

Nel 1846 visitò Trieste proprio mentre si fondava il Gabinetto Zoologico, primo nucleo dell’attuale Museo Civico di Storia Naturale. Il Cavalier Muzio de Tommasini, nel discorso della fondazione del Gabinetto Zoologico scrive: “di felice presagio riteniamo la voce di un meritassimo naturalista, del Sig. Dott. de Baer, Imperial Consigliere di Stato Russo, il quale trovantosi a Trieste per le sue investigazioni fisiologiche, procurò all’Istituto nascente l’onore di esserne padrino“.