Dal 3 luglio 2019 il Museo Civico di Storia Naturale di Trieste si arricchisce di una nuova sala, del tutto inedita nel panorama non solo italiano, ma europeo. Una sala dedicata alle “origini della vita”, cioè a come tutti noi, esseri viventi, veniamo al mondo, come ci sviluppiamo e come (e perché) ci riproduciamo.
Dai semi al DNA, dalle uova alle spore, passando per larve, bruchi, feti ed embrioni; in un allestimento originale e interattivo, dove il visitatore scoprirà come il sesso e le strategie riproduttive degli esseri viventi modificano e condizionano persino la nostra vita quotidiana: dallo starnutire al cucinare le torte, dai vestiti che indossiamo ai fiori che regaliamo alle persone care.
Tutto questo, raccontato grazie a oltre 200 esemplari esposti, tra piante, animali, funghi, modelli ingranditi (sia storici, sia realizzati appositamente per la nuova esposizione) e anche i peculiari reperti umani che un tempo caratterizzavano la vecchia sede storica del Museo, in Piazza Attilio Hortis. Reperti ricontestualizzati però in chiave innovativa, in un’esposizione moderna e multisensoriale, che mette al centro non il reperto, ma l’emozione del visitatore che è spinto, attraverso una grafica accattivante, ma anche sperimentando suoni, profumi e giochi manuali, a trovare lui stesso le rispose alle domante sulla crescita, lo sviluppo e la riproduzione degli esseri viventi.
Qualcosa di nuovo e gioiosamente educativo per i triestini e un’ulteriore piccola gemma per i tanti turisti che sempre di più apprezzano Trieste e i suoi musei.

Museo Civico di Storia Naturale
Giorgio Rossi, Assessore alla Cultura
Laura Carlini Fanfogna, Direttrice del Servizio Musei e Biblioteche
Patrizia Fasolato, Responsabile Musei Scientifici
Alessia Neri, Responsabile Amministrazione Musei

Le Origini della Vita
ideazione, testi e curatela: Nicola Bressi

progettazione tecnica: Massimiliano Grassi
preparazione reperti in liquido: Gianfranco Tomasin
allestimento reperti: Deborah Arbulla, Andrea Colla, Elide Giovannini, Sergio Martincich, Fulvio Tomsich Caruso.
amministrazione: Cristina Sirugo con Gabriella Di Marino, Elisabeth Piselli

progettazione grafica e immagine coordinata: Carin Marzaro, Codroipo
allestimenti: Artinbox, Torino
stampa: Area 3, Tavagnacco
traduzioni: LINKLAB, Trieste