L.K. MOSER è stato professore di matematica, fisica, scienze naturali e calligrafia al ginnasio statale di lingua tedesca di Trieste dal 1876 al 1904. Grande appassionato di scienze ed archeologia, ha svolto la sua attività di ricercatore soprattutto nelle grotte del Carso. Scopritore, assieme ai suoi collaboratori, di molti importanti siti archeologici, è stato uno dei protagonisti della ricerca scientifica a Trieste a cavallo tra l’Otto e il Novecento.
E’ morto a Bolzano il 2 giugno 1918.

Il Museo Civico di Storia Naturale di Trieste, per ricordare la figura del professor Moser a 100 anni dalla morte e valorizzare il “Fondo Moser” custodito al Museo e composto da importante materiale archivistico (compresi i diari manoscritti inediti di Moser) e diversi reperti archeologici scavati da Moser nelle grotte del Carso, organizza una serie di eventi che inizieranno sabato 2 e domenica 3 giugno 2018 per continuare poi a fine ottobre e novembre 2018 in collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste ed il Civico Museo di Storia ed Arte di Trieste.

Conferenza al Museo Civico di Storia Naturale di Trieste, via dei Tominz, 4
Sabato 2 giugno 2018
ore 18.00
Guerre tra archeologi: la figura di L.K. Moser a 100 anni dalla morte.
Conferenza di Paolo Paronuzzi

Il prof. Paolo Paronuzzi (Università di Udine) illustrerà le tappe fondamentali ed i risultati delle ricerche archeologiche che L.K. Moser effettuò nelle principali grotte preistoriche del Carso nell’arco di un trentennio (1885-1915). Nello stesso periodo scavò nelle grotte del Carso anche Carlo Marchesetti, direttore del Museo Civico di Storia Naturale di Trieste dal 1876 al 1921 e importante archeologo. Nella conferenza si indagherà sul rapporto conflittuale e di antagonismo che si creò tra i due studiosi, anche alla luce della rilettura dei diari inediti di Karl Moser, conservati presso il Museo Civico di Storia Naturale di Trieste.

Visita sul territorio
Domenica 3 giugno 2018
Moser e il Carso di Aurisina
Accompagnati da Paolo Paronuzzi e Deborah Arbulla

Ritrovo ore 9.30 al parcheggio del cimitero di Aurisina. Durata prevista dell’escursione: 5 ore.
Si raccomanda abbigliamento e calzature adeguate e torcia o lampada frontale per l’escursione in grotta. Pranzo al sacco.
L’escursione prevede la visita a due grotte scavate da Moser, la Grotta del Pettirosso e la Caverna Pocala. La Grotta del Pettirosso, indagata da Moser in un lungo arco di tempo (1886-1915) è stata la sua cavità prediletta, dove trovò importanti reperti che vanno dal Mesolitico all’epoca romana e alto-medioevale. La Caverna Pocala, invece, è stata scoperta dal suo allievo e collaboratore J.A. Perko nel 1893 e scavata da Moser in particolare nel 1904-1905. La Caverna Pocala, a differenza della grotta del Pettirosso, conserva uno dei più importanti giacimenti paleontologici pleistocenici ad Ursus spelaeus dell’intero territorio carsico. Una numerosa raccolta è conservata al Museo Civico di Storia Naturale di Trieste, frutto degli scavi di Marchesetti del 1904-1905.